Domenica 21 Gennaio 2018 - 09:39
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Modena Cultura e arte Inizia la stagione dell'opera: Attila al teatro comunale Pavarotti di Modena

Inizia la stagione dell'opera: Attila al teatro comunale Pavarotti di Modena

Dramma lirico in un prologo e tre atti. Libretto di Temistocle Solera e Francesco Maria Piave, dalla tragedia Attila, König der Hunnen di Zacharias Werner - Giov e Mart ore 20,00 / Dom ore 15,30

Lascia un commento | Tempo di lettura 131 secondi Modena - 01 Feb 2017 - 09:57

Il 2, 5 e 7 febbraio il Teatro Comunale presenta Attila di Giuseppe Verdi in una nuova produzione che nasce nel Teatro di Modena e riprende un allestimento curato dal Teatro Verdi di Trieste in occasione del bicentenario verdiano.

La direzione è affidata a Aldo Sisillo mentre la regia a Enrico Stinchelli. Il teatro Comunale da così il via alla stagione dell'opera con un melodramma senza alcun dubbio intenso, ‘Verdi – commenta Stinchelli - riesce, come suo solito, a dipingere molto bene le atmosfere dei luoghi: nella sua musica si avverte la bruma, la nebbia, l'acqua che circonda l'intera vicenda e ne diventa quasi motivo-conduttore‘. Tramite un mago della scenotecnica come Pier Paolo Bisleri e le preziose proiezioni dinamiche della MadAboutVideo di Malta, il regista farà in modo che il pubblico riesca a vedere, ma soprattutto a sentire il clima di Aquilea, le paludi di Rio Alto, i boschi, le radure e tanto altro.

Quella di Attila è un opera che rivive l'assedio e la conquista di Aquilea, con tutte le conseguenze, la violenza, le trame politiche, i giochi di potere, la sopraffazione e il tradimento. Protagonista Odabella, figlia del signore di Aquileia che dopo essere stata catturata dal flagello di Dio trama la sua vendetta. ‘Urli, rapine, gemiti, sangue, stupri, rovine, e stragi e fuoco d'Attila è gioco‘ canta il Coro degli Unni all'inizio dell'opera sulle ancora fumanti rovine di Aquileia. Non è uno scherzo: vedremo scene di violenza piuttosto esplicita, nell'atmosfera buia e fangosa rievocata dalla fine del Preludio, l'arrivo pauroso delle truppe di Attila, il flagello di Dio assiso su un trono metallico, le vergini guerriere prostrate ai suoi piedi e offerte in premio, capitanate da Odabella. Questo è un evento che gli amanti dell'opera non possono perdersi, messo a parer mio, in programma nel periodo perfetto, vicino alla festa di San Geminiano che voglio ricordare, secondo la leggenda salvò Modena dall'invasione degli Unni innalzando una fitta coltre di nebbia che celò la nostra città ai loro occhi.

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Si continua a lavorare intensamente per la rinascita del Modena calcio
11 Jan 2018 - 16:11
Alcuni industriali modenesi avrebbero incaricato lo studio legale Samorì di costituire una nuova società entro fine ...

Pace fatta tra i fratelli Ngapeth e Modena Volley
27 Dec 2017 - 16:08
Lo ha comunicato la società in una nota  ...

Volley: Liu Jo cambia tecnico
05 Dec 2017 - 10:38
Via Gaspari dopo la sconfitta contro Firenze ...

Modena Fc: che cosa sarà del futuro di squadra e società?
07 Nov 2017 - 11:53
Ne abbiamo parlato con Mattia Grassani, avvocato specializzato in diritto sportivo ...

Modena calcio: ora il Comune tenta almeno il salvataggio del settore giovanile
06 Nov 2017 - 10:13
Dopo il quarto ko a tavolino la prima squadra viene radiata dal campionato. Ma cosa riserva il futuro? L'intervista all'As...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy