Giovedì 20 Settembre 2018 - 09:15
Cronaca Economia Società Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Salute Animali
Nazionale Economia Abusivi: le regole ci sono ma sono pochi i controlli

Abusivi: le regole ci sono ma sono pochi i controlli

La parola alla presidente nazionale di Confesercenti e ai commercianti direttamente toccati dal problema

Lascia un commento | Tempo di lettura 108 secondi Nazionale - 22 Jun 2018 - 11:59

Sempre più spesso capita di leggere sui social annunci di fantomatiche estetiste –ma anche parrucchieri, per esempio, o piccoli artigiani- che lavorano nell’irregolarità: prezzi spesso convenienti, ma nessuna regola. Un mercato in crescita, a fronte di attività delle forze dell’ordine ancora insufficienti come ci ha confermato anche la presidente nazionale di Confesercenti Patrizia De Luise: “Sta tutto nelle regole –dice la De Luise – ci sono aziende regolari, partite iva, che sono soggette a rispettare delle regole, come è giusto che sia. Il problema è dell’abusivismo e della concorrenza sleale portata avanti da chi invece le regole non le rispetta. Se giochiamo allo stesso gioco e ci sono delle regole devono essere rispettate da tutti i giocatori”. Ed il problema pare proprio essere quello dei controlli: “le regole ci sono e devono essere fatte rispettare – continua la De Luise- ma solitamente lo si fa con chi lavora alla luce del sole ed è facilmente identificabile, e quindi anche controllabile più velocemente, mentre viene “dimenticato” chi non è facilmente individuabile perché, ad esempio. non ha una partita iva”.
Sul piede di guerra i commercianti regolari, ed in particolare quelli del settore estatica. “Noi paghiamo le tasse, mentre per loro i soldi incassati sono “puliti” –ci dice una parrucchiera modenese- Non trovo giusto che lo Stato permetta una cosa del genere. Anche se non giudico chi, spesso schiacciato dalle tasse, si trova costretto a chiudere bottega e a lavorare a casa”. “Il professionista paga anche per quelli che lavorano in nero – ci dice invece un rappresentate di prodotti per parrucchieri- perché la contrazione dei consumi fa si che i prezzi dei prodotti professionali crescano, il che fa alzare ancora di più i costi per i saloni professionali”. Insomma, un gatto che si morde la coda.

Chiara Tassi

Hai qualche segnalazione o suggerimento da inviare alla redazione? scrivi a ultimissimemo@radiobruno.it
Notizie correlate:
Ascolta Radio Bruno in streaming
Sport
Calcio: ultimi tre giorni di campagna abbonamenti
10 Sep 2018 - 09:54
Si chiude mercoledì. Oltre 5mila 200 quelli già sottoscritti ...

Calcio: grande festa ieri sera ai Giardini Ducali per il Modena
29 Aug 2018 - 10:53
Un migliaio i tifosi presenti. Anche Ferrario e Sansovini ...

Calcio: Gozzi torna in gialloblu
21 Aug 2018 - 09:21
La scorsa stagione ha giocato nella Pro Vercelli ...

Calcio: parte col botto il Sassuolo
20 Aug 2018 - 09:56
Il Modena in Coppa Italia potrebbe recuperare domenica prossima ...

Nuoto: Europei; 800 sl, Paltrinieri d'argento
08 Aug 2018 - 18:27
Olimpionico chiude alle spalle dell'ucraino Romanchuk ...

Categorie: Cronaca Economia Eventi Cultura e arte Musica e spettacoli Tempo libero Sport Mangiare Vacanza
RADIO BRUNO SOCIETA’ COOPERATIVA a r.l.
Registrazione al Tribunale di Modena N. 884 del 10 Settembre 1987
Via Nuova Ponente, 28 CARPI
Tel. 059-642877 - Fax 059-642110
Email: redazione@radiobruno.it
www.radiobruno.it
Cookie policy